Solo un momento ...



Blog

Le nostre ultime News

degustazione.jpg

7 Settembre 2018 News

VENERDI’ 21 SETTEMBRE

DALLE 16.30 ALLE 19.30

Presso FarmaMe.it – Farmacia Sant’Antimo ,

abbiamo il piacere di proporre,

in collaborazione con Bezgluten e Zabbara,

una seconda degustazione di prodotti #glutenfree.

Sarà sorteggiato,

tra tutti i nostri clienti, un cesto di prodotti Bezgluten e Zabbara

Non Mancate!!!


IMAGN8.png

3 Settembre 2018 Promozioni

A SETTEMBRE LIERAC TI REGALA LA BELLEZZA

 

Corri alla Farmacia Sant’Antimo ed approfitta della promozione Lierac.

All’acquisto di 59 EURO,

vinci sempre un prodotto Lierac in formato vendita! 

 

FINO AD ESAURIMENTO SCORTE

 


TAB-CELIACHIA-SETTEMBRE.png

1 Settembre 2018 News

È stato pubblicato in Gazzetta ufficiale (n. 199 del 28 agosto 2018) il decreto che fissa nuovi limiti massimi di spesa per l’acquisto di prodotti senza glutine.

Il nuovo decreto conferma il diritto all’erogazione gratuita degli alimenti, sebbene con una riduzione media dei tetti di spesa del 19%. I nuovi tetti di spesa sono stati fissati infatti in 56 euro per la fascia di età fra i sei mesi e i 5 anni (+24% rispetto ai precedenti 45 euro), in 70 euro per i bambini tra i 6 e i 9 anni, restano pressoché invariati nella fascia adolescenziale, particolarmente critica per l’accettazione di un regime alimentare speciale (100 euro per i maschi e 90 euro per le femmine tra i 10 e i 13 anni che salgono a 124 per i maschi e 99 per le femmine tra i 14 e i 17 anni). Per gli adulti, i tetti massimi sono di 110 e 90 euro tra i 18 e i 59 anni e poi di 89 e 75 euro per gli over60. «La riduzione non è una sforbiciata lineare alle risorse per i pazienti, ma una revisione razionale che lascia immutata la copertura del 35% dell’apporto calorico giornaliero da carboidrati privi di glutine e che mantiene l’attenzione su specifiche fasce d’età con bisogni particolari», aveva commentato già a maggio l’Associazione Italiana Celiachia (AIC).

La revisione dei tetti massimi di spesa si era resa necessaria dopo le modifiche della normativa europea, che nel 2013 aveva abolito i prodotti dietetici e dopo il calo che hanno avuto i prezzi dei prodotti senza glutine: rispetto al 2006 il costo di pane, pasta e farina ha registrato un calo del 7% nel prezzo medio globale in farmacia e fino al 33% nella grande distribuzione.

L’Associazione Italiana Celiachia (AIC) nei mesi scorsi ha collaborato con il Ministero della Salute afffinché i tagli fossero in linea con le reali esigenze dei celiaci e perché non venisse meno la garanzia della copertura del 35% dell’apporto calorico giornaliero da carboidrati privi di glutine. «Anche grazie al lavoro di AIC, la bozza del decreto salvaguarda una corretta terapia e assistenza ai pazienti, pur prevedendo un risparmio per lo Stato stimato in oltre 30 milioni di euro, che garantisce la sostenibilità della spesa per l’assistenza ai celiaci», dice Giuseppe Di Fabio, presidente AIC.

 

 


farmame

Ultime News

Chiama
Navigatore